un digestivo dal profumo incantevole, la Mistela Valenciana…

A mia sorpresa, assaggiai la Mistela, in un ottimo ristorante tra le vie Valenciane, dopo una stupenda cena a base di carne grigliata…

Scoprii che la Mistela è un liquore molto famoso…

Qui lo chiamano il Vino dolce chiamato Misteleta…

questo digestivo, e di semplice realizzazione… e vi farà rimanere stupita dal suo semplice gusto…

ecco come si realizza…

INGREDIENTI

600ml di Succo d’uva

500 ml di Grappa

6 chiodi di Garofano

15 caffè in chicchi o 3 cucchiai di caffè macinato

 

PREPARAZIONE

Come primissima cosa, mettete a macerare i 500 ml di grappa con i 6 chiodi di garofano e i 15 chicchi di caffè, la tradizione Valenciana permette anche di usare il caffè macinato.

Lasciate macerare il tutto per almeno 15 giorni, così che la Grappa si impregni dei profumi speciali di questi Aromi.

Passati i 15 giorni, prendete il tutto e filtratelo con un colino, prendete poi i 600 ml di succo d’uva ed andate ad unire al prodotto ottenuto.

Il succo d’uva di per se è già zuccherato, questa grammatura degli ingredienti, si sposa bene, donando equilibrio al digestivo, se però amate un digestivo più zuccherato e meno forte di Alcool, potete tranquillamente aggiungere più succo d’uva.

Successivamente imbottigliate tutto il digestivo e lasciatelo riposare ancora per una decina di giorni, servitelo fresco, dopo un pasto speciale insieme agli amici!

In Spagna, ve lo servono con dei taralli dolci, preparati con il finocchietto selvatico e L’anice stellato, si riconoscono subito, perché il profumo di questi buoni biscottini è inconfondibile…

Ho visto molti Valenciani inzuppare nella Mistela questi biscottini…

Provatelo anche voi, c’è da leccarsi i baffi…

mistela-valenciana

Questo digestivo, così equilibrato nel gusto e nel colore è l’ideale per le serate d’estate…

Il suo giusto equilibrio tra grado alcolico e dolcezza lo rende ideale per un fine pasto, il cameriere che quella sera ci servì al tavolo, c’è ne versò subito un secondo bicchiere, aveva intuito dai nostri sorrisi che, apprezzavamo molto il contenuto in quel piccolo bicchiere…

provatelo…

 

 

 

Author: Chef in Viaggio

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This