storia di Libertà e tradizioni… la Supa Barbetta Valdese…

Come ogni anno, il 17 febbraio, nelle Valli Valdesi, si celebrano le così dette “Lettere patenti” con le quali, nel 1848, il Re Carlo Alberto riconobbe i diritti civili alla popolazione Valdese delle Valli Pinerolesi, in Piemonte.

Incontri comunitari, dibattiti e spettacoli,in questa settimana di festa i valdesi si riuniscono per festeggiare la loro libertà e, molto suggestivo è lo scenario magico che si vede la sera del 16 febbraio, con l’accensione dei Falò di gioia, che nel 1848 furono un mezzo per comunicare ai villaggi vicini, l’ottenimento della concessione…

Oggi rendiamo omaggio ai Valdesi, con la preparazione della loro Supa Barbetta…

 

un piatto semplice, alcuni lo definiscono Povero… ma io lo definirei sensazionali, ricco di gusto e tradizione…

 

INGREDIENTI: ( dosi per 10 persone)

Per il brodo:

un pentolone capiente,

una gallina intera

500 gr di manzo

2 carote

1 cipolla

1 porro

sale grosso q.b.

per la zuppa:

2 kg Grissini tipo torinesi

parmigiano grattugiato

toma fresca

noce moscata

1 cavolo

PREPARAZIONE

Come prima cosa fate il brodo di Gallina

Riempite un pentolone di acqua, riponete una gallina intera, 500 gr di manzo, 2 carote, 1 cipolla, 1 porro!

Mandate in ebollizione,  aggiungete sale grosso e abbassate il fuoco, fate andare per circa 3 ore!

Fate riposare tutta la notte, il giorno dopo si riprenderà la lavorazione!

Prendete un cavolo e sbollentate le foglie, vi serviranno per fare la base!

Quindi andate a comporre la supa Barbetta

Prendete una teglia, cospargetela complementamente di burro, aggiungete il cavolo sbollentato,poi mettete i grissini!

Tagliate la toma a pezzetti rettangolari e fatene uno strato coprendone i grissini, date una spolverata di parmigiano grattugiato e mettete una spolverata di noce moscata!

Poi fate un altro strato di grissini, con sopra la toma a pezzettini e il parmigiano grattugiato!  Imbevete completamente la teglia e I grissini di brodo di Gallina!

Riponete in forno a 150 C per 25/30 minuti!

Controllate sempre la cottura,perché i grissini tendono a dorarsi in fretta!

Quando il formaggio si è sciolto e gratinato,  togliete dal forno, tagliate e servite ben caldo!

Questo è un piatto povero! Ma ricco!

…Buon appetito…

Author: Chef in Viaggio

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This